Gravidanza – L’embrione

L’ EMBRIONE

Una volta avvenuto l’impianto, le cellule cominciano a differenziarsi in modi diversi ed a formare prima due e poi tre strati distinti, detti foglietti germinativi.

Embrione-sviluppo

 

All’inizio dello sviluppo si creano due linee di cellule (ectoderma ed endoderma) che si trovano al centro di congiunzione di due piccole bolle: il sacco vitellino (nell’immagine: Yolk sac) e la cavità amniotica (nell’immagine: Amniotic sac). In seguito si formerà nel mezzo anche il terzo foglietto o mesoderma.

  • L’unione di due mondi.

Due settimane dopo il concepimento iniziano a succedere cose davvero straordinarie. Cominciano a formarsi delle cellule lungo la linea mediana, partendo dall’estremità caudale dell’embrione. Allo stesso tempo si forma una sorta di solco che piano si trasforma in una struttura simile ad un tubo.

L’endoderma andrà a formare la maggior parte del tubo digerente (anche vescica e uretra), la tiroide, il timo e le vie respiratorie.

L’ectoderma formerà il sistema nervoso centrale e periferico, la pelle e suoi derivati (peli, capelli, unghie, smalto dei denti).

Mentre il mesoderma genererà il sistema muscolo-scheletrico, il tessuto connettivo, il sistema cardio-circolatorio e l’apparato uro-genitale (reni).

Da questo momento in poi tutti i sistemi corporei si sviluppano attorno alla linea mediana (detta notocorda).

Nel mesoderma iniziano a formarsi dei piccoli aggregati di cellule (somiti) attorno all’asse mediana, che in seguito andranno a creare le vertebre ed altri tessuti.

Poi l’ectoderma forma un solco che si chiude sopra al centro, formando un tubo che, attraverso una serie di movimenti, genererà il Sistema Nervoso Centrale.

Tutti i movimenti che avvengono durante lo sviluppo embrionale, continuano a manifestarsi per tutto il resto della vita come espressione della Respirazione Primaria.

Questi sono percepibili da un operatore Craniosacrale, quando si orienta ad un ascolto profondo dei tessuti. E quando ci sintonizziamo con quelle forze di creazione, si manifestano grandi potenzialità di guarigione.

Tutto lo sviluppo della forma viene originato dal movimento di espansione e contrazione. Tutto ciò che è vita, è movimento.

L’embrione continua la sua crescita, che non avviene in modo simmetrico.

All’inizio si formano i cosiddetti campi metabolici, campi fluidi con vari livelli di densità, viscosità e movimento, dai quali sono generate in seguito le strutture definitive dell’embrione.

Le prime cellule che si differenziano sono cellule dell’endoderma e quindi dei visceri addominali dell’apparato digerente.

 

  • Il 90% dei recettori della serotonina si trovano nell’intestino!
  • L’80% del sistema immunitario è nella mucosa interna del tubo digerente!
  • Gli stati d’animo e l’attitudine neurologica hanno una diretta relazione con la flora batterica intestinale.

L’ectoderma forma la superficie dell’embrione e quindi ha maggior accesso ai nutrienti che arrivano dal corion (la membrana più esterna della blastocisti); di conseguenza cresce più in fretta, rispetto al sistema cardiovascolare, che ha una crescita più lenta.

Anche la parte caudale si sviluppa più lentamente, rispetto all’estremità cefalica.

Sviluppandosi più velocemente, l’ectoderma inizia a chiudersi sugli altri due foglietti, formando una specie di C. Questo genera una sorta di pieghe, fra le quali gli archi branchiali, che sono origine di varie strutture della testa e del collo.

 

…… segue ‘La formazione del Cuore’ …….

 

 

Inserisci il Tuo Commento

Leave A Response

* Denotes Required Field